LABINSIGHT: conosciamo il laboratorio di Reazione al Fuoco

(Pubbl. 09/11/2022)
Salve, sono Giombattista Traina, Direttore della sezione di Reazione al Fuoco di Istituto Giordano.
Operativa dai primi anni ’90, l’area verifica il comportamento dei prodotti e dei materiali destinati principalmente al settore building e trasporti ma effettua prove anche in ambito navale ed elettrico.


In primis, occorre fare una distinzione tra Reazione e Resistenza al fuoco. 
La Reazione al fuoco verifica il comportamento dei prodotti e materiali nella prima fase di un incendio, mentre la Resistenza al Fuoco si occupa del comportamento degli elementi divisori in una fase avanzata d’incendio. 
Per la Reazione al fuoco dei prodotti da costruzioni si parla di classi A1, A2s1d0, fino a classe E o F, oppure di classe 1, se si tratta di metodi Italiani. Per la Resistenza al fuoco si parla di classi REI, EI e similari. 

Quali prodotti testate? 

Gli spazi del laboratorio, sito nella sede operativa di Gatteo, ci permettono di testare prodotti di tutte le dimensioni per vari metodi di prova: nazionali europei e internazionali. In particolare ci occupiamo di verificare: 
  • Prodotti da costruzione
  • Prodotti da costruzione per le certificazioni nel Middle East
  • Prodotti da costruzione e arredi
  • Prodotti per la costruzione di navi
  • Prodotti per la costruzione di treni, auto e bus 

Quali sono le principali autorizzazioni e notifiche in possesso del laboratorio?

Il laboratorio è:
  • notificato per i prodotti da costruzione ai sensi del Regolamento (UE) 305/2011 (CPR) n 0407;
  • autorizzato ad emettere le certificazioni di prova nel settore della reazione al fuoco secondo le specificazioni contenute nel D.M. 26/06/1984 e D.M. 26/03/1985 con codice d’individuazione alfanumerico RN01RF01;
  • accreditato ACCREDIA n. 0021 L;
  • riconosciuto come laboratori odi prova al fuoco dagli Emirati Arabi Uniti Ministero Interno protezione civile (15/12/2015);
  • laboratorio approvato  da CERTIFER ad eseguire i test in ambito ferroviario secondo la  EN 45545-2.
INCENDIO TETTI CEN_TS 1187_T2Prove reazione al fuoco - UNI9174SBI_EN13823
Fig. 1 Incendio tetti CEN TS 1187 T2Fig. 2 Prova UNI  9174Fig.3 SBI EN13823
 
Andiamo più nel dettaglio, quali prove effettuate e secondo quali norme?

Per il settore civile/building è possibile testare i prodotti mediante metodi italiani o europei, mentre, per gli altri settori, ci si avvale sempre di metodi europei o internazionali.
Da metà 2022, in Italia, non è più possibile assegnare la classe italiana ai prodotti da costruzione e la famosa classe di reazione al fuoco 1 (UNI 9177) viene utilizzata solo per tendaggi e istallazioni tecniche come i pannelli fotovoltaici. 
I principali standard normativi applicabili in questo settore sono:
 
  • UNI 8456 Prodotti combustibili suscettibili di essere investiti dalla fiamma su entrambe le facce - Reazione al fuoco mediante applicazione di una piccola fiamma 
  • UNI 9174 Reazione al fuoco dei prodotti sottoposti all'azione di una fiamma d'innesco in presenza di calore radiante
Per le classi europee A1, da assegnare ai prodotti non combustibili, fino alla classe E o F per i prodotti altamente infiammabili, si applicano invece i seguenti test: 
  • EN ISO 1182 Prove di reazione al fuoco dei prodotti - di non combustibilità  
  • EN ISO 1716 Prove di reazione al fuoco dei prodotti - Determinazione del potere calorifico superiore 
  • EN ISO 11925-2 Prove di reazione al fuoco - Accendibilità dei prodotti sottoposti all'attacco diretto della fiamma - Parte 2: Prova con l'impiego di una singola fiamma 
  • EN 13823 Prove di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione - Prodotti da costruzione esclusi i pavimenti esposti ad un attacco termico prodotto da un singolo oggetto in combustione
  • EN ISO 9239-1 Prove di reazione al fuoco dei pavimenti - Parte 1: Valutazione del comportamento al fuoco utilizzando una sorgente di calore radiante 
  • CEN/TS 1187 Metodi di prova per tetti esposti al fuoco dall'esterno

Per quanto concerne i trasporti, Istituto Giordano ha investito in modo importante negli ultimi anni per rinnovare il parco attrezzature per poter testare materiali che vanno nei treni, da classificare con la EN 45545 e nelle navi da certificare MED, con test FTP CODE 2010. 
Le principali norme di prova utilizzate in questo ambito sono:
 
  • EN 45545-2 Railway applications - Fire protection on railway vehicles - Part 2: Requirements for fire behavior of materials and components Annex A: Standard vandalism test for seat coverings
  • ISO 5660-1 Reaction-to-fire tests - Heat release, smoke production and mass loss rate Heat release rate (cone calorimeter method) and smoke production rate (dynamic measurement)
  • ISO 5658-2 Reaction to fire tests — Spread of flame — Part 2: Lateral spread on building and transport products in vertical configuration
  •  EN ISO 5659-2 Plastics - Smoke generation - Part 2: Determination of optical density by a single-chamber test 
  • EN ISO 4589-2 Plastics - Determination of burning behaviour by oxygen index - Part 2: Ambient-temperature test 
  • IMO MSC 307 (88) ANNEX 1  2010 FTP code 
  • FMVSS 302 The Federal Motor Vehicle Safety Standard No. 302 
  • ISO 3795 DIR.95/28/CE Road vehicles - Determination of burning behaviour of interior materials for motor vehicles 
Cono Calorimetrico ISO 5660PANNELLO ISO 5668_FTP CODE_1
Fig. 4  Tossicità dei fumi ISO 5659 EN 17084Fig. 5 Cono Calorimetrico ISO 5660Fig. 6 Pannello ISO 5668 FTP CODE 1

Il laboratorio esegue poi tutta una serie di altre prove per il settore elettrico, con fiamma ad Ago, Glow wire test, UL 94 e la caratterizzazione dei prodotti imbottiti, come divani e materassi secondo le principali norme nazionali ed internazionali, UNI 9175, EN 1021-1 e 2 EN 597-1 e 2 e altro ancora.


Il team è composto da tecnici qualificati sempre aggiornati sugli sviluppi del settore. Inoltre, il laboratorio partecipa in modo attivo ai lavori dei gruppi europei e nazionali in ambito normativo, tra cui EGOLF, CEN/TC 127, SH02 – GNB, UNI/CT 011/GL 01. 


Per approfondimenti in merito alle prove che possiamo eseguire visita la pagina dedicata