Certificazione ambientale per i generatori alimentati a biomasse combustibili solide

Istituto Giordano è Ente Notificato come definito dal Decreto n. 186 del 7 novembre 2017, quindi può rilasciare la certificazione ambientale del generatore di calore, effettuare le prove sugli apparecchi dei propri Clienti secondo i metodi riportati nella tabella 2 del decreto stesso, oppure recepire le prove effettuate secondo gli stessi metodi in altri paesi dell’Unione Europea e assegnare la relativa certificazione ambientale.

Il recente Decreto del Ministero dell’Ambiente n. 186 del 7 novembre 2017 ha introdotto la certificazione ambientale dei generatori di calore alimentati a biomasse combustibili solide.

Sono interessati dalla possibilità della certificazione:

I generatori di calore per installazione domestica, ricadenti nel Regolamento Prodotti da Costruzione UE 305/2011:
  • camini chiusi, inserti a legna: UNI EN 13229 - inserti e caminetti aperti alimentati a combustibile solido - requisiti e metodi di prova;
  • caminetti aperti: UNI EN 13229 - inserti e caminetti aperti alimentati a combustibile solido - requisiti e metodi di prova;
  • stufe a legna: UNI EN 13240 - stufe a combustibile solido - requisiti e metodi di prova;
  • stufe ad accumulo: UNI EN 15250 - apparecchi a lento rilascio di calore alimentati a combustibili solidi - requisiti e metodi di prova;
  • cucine a legna: UNI EN 12815 - termocucine a combustibile solido - requisiti e metodi di prova;
  • stufe, inserti e cucine a pellet - termostufe: UNI EN 14785 - apparecchi per il riscaldamento domestico alimentati con pellet di legno - requisiti e metodi di prova.

Le caldaie da locale tecnico con potenza nominale fino a 500 kW, ricadenti sotto la Direttiva Macchine e ricoperte dalla UNI EN 303-5 – caldaie per riscaldamento - parte 5: caldaie per combustibili solidi, con alimentazione manuale o automatica, con una potenza termica nominale fino a 500 kW - terminologia, requisiti, prove e marcatura.

Attualmente, nelle regioni del Bacino Padano, l’appartenenza del generatore di calore ad una classe di qualità pari almeno a “3 stelle” ha influenza sulla possibilità per lo stesso di essere utilizzato, in presenza di sistemi di riscaldamento alternativi e in caso di criticità registrate nei valori di concentrazioni di inquinanti nell’aria.

Nei prossimi mesi, inoltre, le stesse regioni si sono obbligate ad adottare misure per evitare il mantenimento in esercizio dei generatori di calore con classe di qualità inferiore a “2 stelle” e l’installazione di generatori con classe di qualità inferiore a “3 stelle”, per un primo periodo. Tali misure saranno ulteriormente inasprite a partire da gennaio 2020.

Per ogni informazione e per valutare le azioni da intraprendere nel proprio caso contattare il nostro personale tecnico
Antonietta Serra: 0541-322369 - a.serra@giordano.it
Luca Bonini: 0541-322269 - l.bonini@giordano.it

Visita la pagina dedicata ai servizi offerti dalla sezione di Termotecnica